OtticaMacca.com

0932 98 57 30 | 345 4553750 info@otticamacca.com

Menu

Rimedi naturali contro la congiuntivite

Di In Occhio alla Salute Il 7 agosto 2015


La congiuntivite è un’infiammazione dell’occhio, più in particolare, della congiuntiva, la membrana trasparente che ricopre il bulbo. Protetta normalmente dalle ciglia e dal film lipidico che mantiene attiva la lacrimazione, può irritarsi in determinate situazioni: allergia da polvere, polline e smog; utilizzo quotidiano delle lenti a contatto; abbassamento delle difese immunitarie in caso di raffreddore o influenza; azione patogena di germi, virus e batteri. Tra i sintomi più comuni della congiuntivite, arrossamento dell’occhio, prurito, iperlacrimazione, presenza di cispe, lieve edema del margine palpebrale.

Alcuni rimedi naturali possono lenirne i fastidi. Ad esempio:
– Impacchi con bustine di tè: tenete da parte due bustine che avrete utilizzato per la normale preparazione del vostro tè, fatele raffreddare e applicatele sugli occhi per qualche minuto.
– Impacchi di camomilla: dopo aver preparato la bevanda, lasciate raffreddare e strizzare due bustine di camomilla da applicare sugli occhi. In alternativa, imbevete di infuso di camomilla dei fazzoletti o dei dischetti di cotone e appoggiate sugli occhi.
– Succo di limone: una goccia per occhio, due o tre volte al giorno. Dopo qualche secondo di leggero bruciore, il limone ha un veloce effetto decongestionante.
– Infuso di Malva ed Eufrasia: entrambe acquistabili in erboristeria, possono essere usate per creare un infuso e degli impacchi utili a combattere il rossore e il prurito degli occhi.
– Acqua fredda: è il rimedio più immediato e alla portata di tutti in caso di congiuntivite. Gli impacchi di acqua fredda sono consigliati soprattutto in caso di congiuntivite virale, per combattere dolore e prurito.

Per evitare l’insorgere della congiuntivite, inoltre, è consigliabile condurre un’alimentazione corretta, ricca di frutta e verdure, per un maggiore apporto di vitamine.
Nei casi più gravi, comunque, qualora l’infezione dovesse persistere, meglio consultare uno specialista ed adottare una terapia farmacologica idonea al proprio caso specifico.


powered by Zero Comunicazione Integrata